Dettaglio News

DIETA DEI BAMBINI IN ASILO

Le differenze tra bambini italiani e stranieri

 

E’ importante insegnare una corretta educazione alimentare sin da bambini negli asili e nelle scuole. La pensa così anche la rete televisiva pubblica inglese BBC, che ha realizzato un intero documentario su tutte le mense per bambini del mondo, riscontrando le pessime abitudini alimentari dei bambini inglesi, fatte di patatine, caramelle, dolci e biscotti. 

 

Il cibo è uno dei tratti che più caratterizza la cultura di un popolo, marcandone la differenza rispetto agli altri, per questo è così interessante vedere le diversità nell’alimentazione in asilo tra i paesi del mondo.  

 

La Francia, patria del culto del cibo, ha introdotto a scuola e in asilo la figura del nutrizionista, che lavora con un comitato di genitori per monitorare i pranzi preparati dalla mensa e assicurare una dieta sana ed equilibrata. In Svezia negli asili sono cucinati solo cibi sani, evitando grassi e zuccheri, in modo da insegnare un’alimentazione corretta e per combattere l’obesità fin dalla tenera età. I bambini inoltre aiutano nel preparare i pasti, apparecchiare, sparecchiare e fare piccole pulizie.

 

In Norvegia invece i bambini portano all’asilo il proprio pranzo, fatto di solito di pane integrale e formaggio o salumi. Un pasto leggero per poi attendere il tardo pomeriggio e fare una grande cena con tutta la famiglia riunita. La scuola o l’asilo forniscono solo il latte fresco. Negli Stati Uniti, regno del junkie food e del Mc Donald’s, delle salse e dei distributori di merendine ipercaloriche, la situazione è davvero difficile. Non esiste una vera e propria educazione alimentare. In passato Ronald Reagan in un convegno alimentare ha proposto addirittura la classificazione del ketchup come un vegetale! Oggi, con molta fatica, si sta cercando di migliorare sin dalla scuola materna, introducendo cibi sani nella dieta dei bambini.

 

 

In Ucraina non si lesina sulle calorie, nemmeno nelle scuole per l’infanzia. Un pasto tipico anche all’asilo ha tre portate e una bevanda di frutta. Per iniziare i bambini ricevono un antipasto, il borsch, la zuppa tradizionale ucraina fatta di barbabietole, ortaggi e carne. Segue una portata principale fatta di salsicce o una cotoletta, che è carne tritata mista con uovo e pane grattugiato e poi fritta e accompagnata da purè di patate o grano saraceno bollito. Il dessert: biscotti, frittelle o syrki, che è crema di formaggio ricoperta di cioccolato. Speriamo almeno che facciano tanto moto.

 

E in Italia? In gran parte degli asili si sta davvero attenti a cucinare pasti bilanciati. In alcune realtà d’eccellenza si utilizzano anche prodotti biologici. Un asilo di Brescia, per esempio, fa del biologico un suo punto di forza, introducendo nella dieta dei bambini gli alimenti che si consumano sempre meno a casa, come miglio, orzo, avena e mais, ovvero cereali sempre meno apprezzati ma in realtà ricchissimi di nutrimento, che diventano anche appetitosi e graditi, se offerti ben cotti e ben conditi.

 

E inoltre la dieta dei bambini prevede in questo asilo carne bianca, uova provenienti da galline allevate a terra, verdura fresca e cotta (aboliti i liofilizzati), frutta fresca e cotta, succhi, tisane e formaggio biologico, latte vaccino intero sostituito su richiesta, nei periodi di raffreddamento, dal latte di riso o di mandorla. 

Un esempio sicuramente da seguire!

 

Tratto da:

http://www.asilinido.biz/redazione/dieta-dei-bambini-in-asilo.htm

 


Giovedì 14 Ottobre 2010 | Posted by Michela | Visite: 4523

69 Articoli
« prev | Articolo 31 | next »

 

Non ci sono ancora commenti! Scrivi TU il PRIMO! Effettua il LOGIN oppure Registrati!)